Accedi o Registrati
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla
ricerca avanzata | ricerca multipla    
BIBLIOTECA DI BABELE

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
Comprovendodischi.it



Porta in Alto









 
Misopogon Libri Usati







 

 

 
 
I Saggi ( titolo originale : Essais)

 

I Saggi ( titolo originale : Essais)
 

Autore: Michel Eyquem De Montaigne, a cura di Fausta Garavini
Editore: Adelphi - Milano
Anno:1982 Ottobre, seconda edizione.
Collana: I Classici n. 16
Condizioni: NUOVO
Categoria: LETTERATURA, LETTERATURA FRANCESE, FILOSOFIA, MONTAIGNE, LIBRI RARI, RINASCIMENTO
ID titolo:72173639

"I Saggi ( titolo originale : Essais)" è in vendita da venerdì 21 febbraio 2020 alle 15:15 in provincia di Parma

Note su "I Saggi ( titolo originale : Essais)":
Saggi (Essais) è un’opera di Michel Eyquem de Montaigne, pubblicata in tre versioni nel 1580, 1582, 1588. Consiste in un’ampia raccolta di brani di varia estensione, scritti senza seguire un progetto prestabilito, in cui l’autore tratta di molti argomenti da un punto di vista soggettivo e personale. Il termine francese Essai significa esperimento, tentativo o prova. Montaigne scrisse i Saggi con un’abile tecnica retorica che intendeva avvincere e coinvolgere il lettore, a volte dando l’impressione di lasciarsi trasportare in un flusso di idee da un argomento all’altro, altre volte utilizzando uno stile più strutturato che tende a portare in evidenza la natura didattica della sua opera. Le sue argomentazioni sono spesso sostenute con numerose citazioni di testi classici greci e latini. I Saggi colpiscono per la varietà e per i contrasti che li animano. I più brevi (specialmente nel libro I) sono poco più che note di lettura, ma altri sono dei veri e propri saggi filosofici d’ispirazione stoica (Filosofare è apprendere a morire, I, 20) o scettica (Apologia di Raymond Sebond, II, 12), via via più pieni di confessioni personali (Della vanità, III, 9; Dell’esperienza, III, 13). A volte titoli ingannevoli mascherano i capitoli più audaci: Usanza dell’isola di Ceo (II, 3) discute della legittimità del suicidio; Della rassomiglianza dei figli ai padri (II, 37) critica i medici; Su dei versi di Virgilio (III, 5) nasconde le confessioni di Montaigne sulla sua esperienza dell’amore e della sessualità; Delle carrozze (III, 6) denuncia la barbarie dei conquistatori del Nuovo Mondo. Non meno diverse sono le fonti che Montaigne fa dialogare, da Plutarco e Seneca, suoi autori prediletti, a innumerevoli storici e poeti, con centinaia di citazioni, in prosa e in versi, in francese e in latino. L’obiettivo dichiarato di Montaigne è quello di descrivere l’uomo, e specialmente se stesso, con completa franchezza: Sono io l’oggetto del mio pensiero. Qualunque sia l’argomento trattato, l’obiettivo è la conoscenza di sé, la valutazione della propria capacità di giudizio, l’approfondimento delle proprie inclinazioni. Al di là di questo progetto senza precedenti, che ci svela i gusti e le opinioni di un gentiluomo perigordino del XVI secolo, come le sue abitudini e le sue manie più segrete, il genio di Montaigne consiste nel manifestare la dimensione universale di un tale autoritratto: nella misura in cui ciascun uomo porta in sé l’intera forma dell’umana condizione (III, 2), la messa in opera del precetto socratico Conosci te stesso sfocia in una vertiginosa esplorazione degli enigmi della nostra condizione, della sua miseria, vanità e incostanza, ma anche della sua dignità. Secondo Montaigne, la varietà e la volatilità sono le caratteristiche fondamentali della natura umana. Ad esempio, egli scrive: Non ho mai visto un mostro o un miracolo più grande di me stesso (III, 11); descrive la sua debole memoria, la sua capacità di risolvere problemi e mediare conflitti senza un vero coinvolgimento emotivo, la sua disapprovazione per la ricerca di una fama duratura, e i suoi tentativi di staccarsi dalle cose terrene per prepararsi alla morte. Umanista per la sua passione per le lettere antiche, Montaigne lo è ancora di più in senso filosofico, per la sua idea elevata della persona umana e per il rispetto che le è dovuto. Manifestò un relativismo culturale alquanto moderno, riconoscendo che le leggi, i costumi e le religioni delle diverse culture umane, per quanto diverse, potevano essere egualmente valide. Giudicò negativamente la conquista del Nuovo Mondo da parte degli europei, criticando le sofferenze che essa provocò per i nativi di quelle terre. Fu disgustato dai violenti conflitti (che egli considerava barbarici) tra i cattolici e i protestanti suoi contemporanei. Credeva in Dio, ma evitava di speculare sulla sua natura. Citando il caso di Martin Guerre come esempio, sostenne che gli esseri umani non possono avere conoscenze certe, e respinse le affermazioni di carattere generale e assoluto e ogni forma di dogma. Questo scetticismo è espresso al meglio nel lungo saggio Apologia di Raymond Sebond (II, 12), che spesso è stato pubblicato come opera a sé stante. Non possiamo fidarci delle nostre capacità di ragionamento perché i pensieri si formano spontaneamente in noi, e non ne abbiamo veramente il controllo. Non abbiamo buone ragioni per considerarci superiori agli animali. Montaigne dubita fortemente delle confessioni ottenute con la tortura, sottolineando che esse potrebbero essere inventate dal sospettato soltanto per il desiderio di sottrarsi alla tortura che gli è inflitta (è il primo utilizzo noto di questo argomento contro la tortura). Nel capitolo che di solito viene intitolato La sapienza non può rendere l’uomo buono, scrisse che il suo motto era Che cosa conosco? Il saggio su Sebond in apparenza difendeva il cristianesimo, ma Montaigne vi utilizzò con eloquenza molte citazioni e richiami ad autori classici greci e latini (quindi, non cristiani), e specialmente all’atomista Lucrezio. Montaigne considerava il matrimonio necessario per l’allevamento e l’educazione dei figli, ma disapprovava i forti sentimenti dell’amore romantico, che considerava nocivi alla libertà. Su di esso scrisse, ad esempio: Il matrimonio è come una gabbia; si vedono gli uccelli chiusi fuori che tentano furiosamente di entrare, e quelli chiusi dentro che tentano furiosamente di uscirne (III, 5). Per quanto riguarda l’istruzione, egli preferiva l’esempio e l’esperienza concreta rispetto all’insegnamento di conoscenze astratte che ci si aspetta siano accettate acriticamente: Per un figlio di buona famiglia... se si desidera farne un uomo avveduto piuttosto che dotto, vorrei anche che si avesse cura di scegliergli un precettore che avesse piuttosto la testa ben fatta che ben piena (I, 26). La notevole modernità delle idee evidente nei Saggi, insieme alla loro persistente popolarità, li rese probabilmente l’opera più cospicua della filosofia francese fino all’epoca dell’illuminismo. La loro influenza sulla cultura francese è forte ancora oggi. Il ritratto ufficiale del presidente François Mitterrand lo raffigura con una copia aperta dei ’’Saggi’’ in mano.
Opera completa composta da due volumi in cofanetto editoriale cartonato , formato in ottavo cm. 21, pagine complessive XXXIII, 1595 , tutta tela editoriale con titoli oro al dorso , sovraccoperta figurata a colori, acetato trasparente a protezione, segnalibro in tessuto . Splendida copia allo stato del nuovo a fogli ancora chiusi, eccezionale esemplare da collezione. Pubblicata qui per la prima volta, in veste editoriale veramente degna, la prima traduzione italiana completa e filologicamente corretta degli ’’Essais’’. Frutto di uno studio pluridecennale dell’ opera di Montaigne, la traduzione della Garavini ha avuto numerose riedizioni, sempre rivedute, corrette e aggiornate sulle nuove edizioni critiche francesi. Apre il primo volume il fondamentale saggio: La salute di Montaigne di Sergio Solmi.
Pochi libri somigliano alla vita più dei Saggi di Montaigne. Compresi tutti i romanzi del mondo. Perché i Saggi, vecchi di più di quattrocento anni, che non raccontano nessuna storia in particolare e intanto le raccontano tutte, sono forse il libro più vario e mutevole e discontinuo che sia mai stato scritto su quella cosa varia e mutevole e discontinua che è l’essere uomini. Pochi libri sanno, come i Saggi, consolare senza mentire su niente; e mostrarti la vita nuda e cruda, la bellezza delle sue contraddizioni, la forza del dolore e quella della felicità. E il mondo, il mondo intero, anche nelle sue parti più lontane e inesplorate, più selvagge, come il luogo della vita, e la meraviglia come la sola soglia possibile dell’esperienza Non sono un trattato di filosofia, i Saggi; sono proprio dei saggi, passaggi veloci e vorticosi nel mulinare della vita.
La magnifica opera del grande pensatore francese , tra le più rappresentative e originali del Rinascimento europeo, nell’insuperata edizione del ’’ Classici ’’ Adelphi.
Il presente volume fa parte della mia collezione personale.


 

Cerca il titolo su

           

 

Chiedi un contatto per avere informazioni o eventuale acquisto del libro:
"I Saggi ( titolo originale : Essais)"
Utente verificato paolopr64 Telefono disponibile
vende "I Saggi ( titolo originale : Essais)"  di Michel Eyquem De Montaigne, a cura di Fausta Garavini in provincia di Parma

Segui     Controlla le segnalazioni

Ha utilizzato Comprovendolibri ieri.

feedback positivi 88 positivi    

feedback positivi 88 positivi

Vedi tutti i Feedback

Tempo medio di risposta del venditore: entro 5 ore  (calcolato su 77 compravendite)

 

Condizioni di vendita per il libro "I Saggi ( titolo originale : Essais)":
Pagamenti accettati : Pagamento anticipato tramite Bonifico bancario o ricarica Postepay.

Invio tramite spedizioni raccomandate tracciabili ( pieghi di libri), il costo da quantificare al momento dell’ordine da aggiungere al prezzo del libro.


Per una maggiore sicurezza
richiedi una spedizione tracciabile
(come il Piego di Libri  Raccomandato)
e un recapito telefonico
 

Invia la tua richiesta per "I Saggi ( titolo originale : Essais)"

il tuo nome e cognome


 

il tuo indirizzo email
verifica attentamente che l'indirizzo sia corretto, altrimenti il venditore non potrà ricontattarti.


 

Chiedo INFORMAZIONI su questo libro
Desidero iniziare una TRATTATIVA
Desidero ACQUISTARE questo libro

Scrivi qui la tua richiesta:

se vuoi acquistare il libro, scrivi il tuo indirizzo per la spedizione

Non inserire link a siti esterni

IMPORTANTE:  LEGGERE MOLTO ATTENTAMENTE  

LIBRI DI SCUOLA, ma non solo

Per l'acquisto dei libri è VIVAMENTE CONSIGLIATO, onde evitare truffe, attenersi a questa semplice procedura:

  • richiedere una spedizione tracciabile (piego di libri raccomandato) ed esigere il codice per la tracciabilità
  • richiedere esclusivamente un sistema di pagamento sicuro (Paypal), non una ricarica Postepay
  • non utilizzare mai la formula "invia denaro a Familiari/Amici"
    il venditore non pagherà le commissioni ma tu non potrai avere la protezione acquirenti e quindi non potrai eventualmente aprire una contestazione e chiedere il rimborso
  • se non viene fornito il codice di tracciabilità E IL LIBRO NON ARRIVA, entro 45 giorni aprire una contestazione su Paypal per avere il rimborso

  • VERIFICARE IL CODICE ISBN DEL LIBRO

 
1) Una copia del messaggio verrà inoltrata anche a te per confermarti l'invio.
Poichè l'email potrebbe essere contrassegnata come spam, ti preghiamo di aggiungere *@comprovendolibri.it alla tua "lista bianca"
Se non la ricevi, verifica di aver inserito correttamente il tuo indirizzo email.

2) Controlla sempre le segnalazioni prima di effettuare il pagamento

3) Ricordiamo che la spedizione con "PIEGO DI LIBRI ORDINARIO" risulta essere NON TRACCIABILE e  quindi non da diritto ad alcun codice per monitorare lo stato di giacenza del pacco durante il suo spostamento. I tempi di consegna variano da 2 a 45 giorni.
Se chiedi la spedizione con "Piego di Libri ordinario", dichiari di accettare tutti i rischi e i pericoli, quali possono essere smarrimenti, furti, mancati recapiti da parte di portalettere appartenenti a Poste Italiane e di sollevare il venditore da ogni responsabilità inerente a queste problematiche in quanto non dipendenti dal suo operato.
NON SONO ACCETTATI FEEDBACK O SEGNALAZIONI INERENTI A QUESTA PROBLEMATICA.


D.LGS 205/2006 - D.LGS 21/2014
Aggiornato al 13 giugno 2014

Articolo 3
Definizioni

1. Ai fini del presente codice ove non diversamente previsto, si intende per :
a) consumatore o utente: la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta ;
...
c) professionista: la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario;

Articolo 63
Passaggio del rischio
1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.
2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore gia’ nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

gazzettaufficiale.it
Codiceconsumo.pdf

Se hai letto attentamente

per "I Saggi ( titolo originale : Essais)"

 

 

 

 




 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy (GDPR) e utilizzo dei cookies
rel. 6.5 Copyright 2000-20 SARAIN MARCO - Padova (IT) - p.IVA 05180180282