Accedi o Registrati
 
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla


 

ricerca avanzata         ricerca multipla

BIBLIOTECA DI BABELE

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
Comprovendodischi.it



Porta in Alto









 
Misopogon Libri Usati







 

 

 
 
Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene

 

Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene
 

Autore: Giacinto Cottini
Editore: Libreria editrice internazionale ’’Il Prisma’’ – Torino
Anno:1912 – Prima rarissina ed unica edizione ( I° Migliaio)
Collana: Quaderno del Prisma – Numero 1
Condizioni: OTTIME CONDIZIONI
Categoria: GUERRA COLONIALE, COLONIALISMO, TRUPPE COLONIALI, LIBIA , LIBRI RARI, PRIME EDIZIONI
ID titolo:58714822

"Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene" è in vendita da martedì 11 dicembre 2018 alle 13:37 in provincia di Parma

Note su "Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene":
Bella brossura con titoli in nero e disegno di Golia (Eugenio Colmo, detto ’’Golia’’ (Torino, 29 ottobre 1885 – Torino, 15 settembre 1967, pittore, illustratore grafico, disegnatore di moda, caricaturista e ceramista), tavola fotografica in b/n intitolata ’’nell’Harem’’. Formato in 8° cm. 17,5 x 25,5, spillato, pagine 40 , tavola in b/n in antiporta, numerose tavole fotografiche in b/n f/t anche a tutta pagina , al solo recto. Titoli dei capitoli : Genti e vicende della nuova colonia Italiana – Le figlie della stella del mattino – La Ilah Il Allah. Alla fine Bibliografia di riferimento. Condizioni usato, normali segni del tempo e d’uso, leggeri segni di umidità alla quarta di copertina, opera completamente originale , nel complesso ottimo esemplare da collezione. Rarissima opera relativa al primo colonialismo Italiano , nessuna citazione in rete , veramente un pezzo introvabile.
La conquista italiana della Libia prese il via tra il 4 e il 5 ottobre 1911 con gli sbarchi delle truppe italiane, rispettivamente a Tobruk e Tripoli, inviate da Giolitti contro l’Impero Ottomano. Il corpo di spedizione, al comando del generale Carlo Caneva, era forte di 35.000 uomini, saliti poi a 100.000 nei mesi successivi. Con il Trattato di Losanna (o di Ouchy) del 18 ottobre 1912 la Turchia conservava la sovranità formale sulla Libia ma demandava all’amministrazione italiana il controllo, anche militare, della fascia costiera tra Zuara e Tobruk. L’occupazione e il controllo del territorio si rivelarono più difficoltose del previsto, a causa della fiera opposizione dell’esercito turco prima e delle formazioni irregolari libiche poi. Tra il 1913 e il 1914 la presenza del regio esercito si estese alla Tripolitania settentrionale e il colonnello Miani guidò una colonna di ascari eritrei fino al Fezzan. Ma alcune sconfitte nell’inverno 1914-15 e lo scoppio della prima guerra mondiale costrinsero gli italiani a ripiegare sulla costa, tenendo saldamente alcune località come Tripoli, Zuara e Homs in Tripolitania, Bengasi, Derna e Tobruk in Cirenaica. I territori interni, invece, vennero, di fatto, governati da alcuni notabili locali in Tripolitania e dalla Senussia (organizzazione religiosa e politica mussulmana) in Cirenaica. Terminato il primo conflitto mondiale, in Italia fu adottata la politica delle concessioni che portò, con gli ’’Statuti libici’’ accordati a Tripolitania e Cirenaica e l’accordo con i senussiti, a un periodo di sostanziale pacificazione del Paese africano. Con il capo dei senussiti, Mohammed Idris, infatti, furono conclusi i patti di Acroma (aprile 1917) e di Regima (ottobre 1920), in base ai quali Idris riconobbe la sovranità italiana sulla Cirenaica e il possesso della costa, avendo in cambio, dal governo italiano, il riconoscimento del titolo di ’’emiro’’, nonché l’amministrazione delle zone interne e il diritto di tenere forze armate. L’anno prima, nel 1919, era stato concesso lo statuto alle due colonie, con la previsione dell’elezione di due parlamenti locali e di alcuni diritti alle popolazioni. A Tripoli, però, il parlamento non venne mai eletto mentre quello in Cirenaica funzionò per poco tempo e senza alcun risultato rilevante. La situazione in quest’ultima colonia, tuttavia, restò alquanto migliore rispetto alla prima. Il controllo dei senussiti, infatti, contribuì a garantire l’ordine, almeno per un certo periodo di tempo, cosa che invece non accadde in Tripolitania dove le lotte tra i capi locali e il contrasto tra arabi e berberi impedirono il funzionamento di quella repubblica tripolitana, proclamata dai ribelli nel novembre del 1919, creando incertezza e confusione. Nel 1921 fu istituito il Governatorato della Tripolitania e nominato governatore Giuseppe Volpe, industriale e futuro Ministro delle Finanze, che riprese l’avanzata militare occupando, tra gennaio e febbraio 1922, il porto di Misurata Marina. Tra aprile e maggio, grazie anche all’azione dell’allora colonnello Rodolfo Graziani, le forze arabe vennero respinte. Mentre in Italia, si svolge la marcia su Roma le truppe italiane occupavano Jefren.
Il presente volume fa parte della mia collezione personale





 

Cerca il titolo su

           

 

Chiedi un contatto per avere informazioni o eventuale acquisto del libro:
"Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene"
Utente verificato paolopr64 Telefono disponibile
vende "Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene"  di Giacinto Cottini in provincia di Parma

Segui     Controlla le segnalazioni

Ha utilizzato Comprovendolibri 2 giorni fa.

feedback positivi 91 positivi    

feedback positivi 91 positivi

Vedi tutti i Feedback

Tempo medio di risposta del venditore: entro 5 ore  (calcolato su 79 compravendite)

Informazioni sul venditore:
GUERRA COLONIALE, COLONIALISMO, TRUPPE COLONIALI, LIBIA , LIBRI RARI, PRIME EDIZIONI. Bella brossura con titoli in nero e disegno di Golia (Eugenio Colmo, detto ’’Golia’’ (Torino, 29 ottobre 1885 – Torino, 15 settembre 1967, pittore, illustratore grafico, disegnatore di moda, caricaturista e ceramista), tavola fotografica in b/n intitolata ’’nell’Harem’’. Formato in 8° cm. 17,5 x 25,5, spillato, pagine 40 , tavola in b/n in antiporta, numerose tavole fotografiche in b/n f/t anche a tutta pagina , al solo recto. Titoli dei capitoli : Genti e vicende della nuova colonia Italiana – Le figlie della stella del mattino – La Ilah Il Allah. Alla fine Bibliografia di riferimento. Condizioni usato, normali segni del tempo e d’uso, leggeri segni di umidità alla quarta di copertina, opera completamente originale , nel complesso ottimo esemplare da collezione. Rarissima opera relativa al primo colonialismo Italiano , nessuna citazione in rete , veramente un pezzo introvabile.
La conquista italiana della Libia prese il via tra il 4 e il 5 ottobre 1911 con gli sbarchi delle truppe italiane, rispettivamente a Tobruk e Tripoli, inviate da Giolitti contro l’Impero Ottomano. Il corpo di spedizione, al comando del generale Carlo Caneva, era forte di 35.000 uomini, saliti poi a 100.000 nei mesi successivi. Con il Trattato di Losanna (o di Ouchy) del 18 ottobre 1912 la Turchia conservava la sovranità formale sulla Libia ma demandava all’amministrazione italiana il controllo, anche militare, della fascia costiera tra Zuara e Tobruk. L’occupazione e il controllo del territorio si rivelarono più difficoltose del previsto, a causa della fiera opposizione dell’esercito turco prima e delle formazioni irregolari libiche poi. Tra il 1913 e il 1914 la presenza del regio esercito si estese alla Tripolitania settentrionale e il colonnello Miani guidò una colonna di ascari eritrei fino al Fezzan. Ma alcune sconfitte nell’inverno 1914-15 e lo scoppio della prima guerra mondiale costrinsero gli italiani a ripiegare sulla costa, tenendo saldamente alcune località come Tripoli, Zuara e Homs in Tripolitania, Bengasi, Derna e Tobruk in Cirenaica. I territori interni, invece, vennero, di fatto, governati da alcuni notabili locali in Tripolitania e dalla Senussia (organizzazione religiosa e politica mussulmana) in Cirenaica. Terminato il primo conflitto mondiale, in Italia fu adottata la politica delle concessioni che portò, con gli ’’Statuti libici’’ accordati a Tripolitania e Cirenaica e l’accordo con i senussiti, a un periodo di sostanziale pacificazione del Paese africano. Con il capo dei senussiti, Mohammed Idris, infatti, furono conclusi i patti di Acroma (aprile 1917) e di Regima (ottobre 1920), in base ai quali Idris riconobbe la sovranità italiana sulla Cirenaica e il possesso della costa, avendo in cambio, dal governo italiano, il riconoscimento del titolo di ’’emiro’’, nonché l’amministrazione delle zone interne e il diritto di tenere forze armate. L’anno prima, nel 1919, era stato concesso lo statuto alle due colonie, con la previsione dell’elezione di due parlamenti locali e di alcuni diritti alle popolazioni. A Tripoli, però, il parlamento non venne mai eletto mentre quello in Cirenaica funzionò per poco tempo e senza alcun risultato rilevante. La situazione in quest’ultima colonia, tuttavia, restò alquanto migliore rispetto alla prima. Il controllo dei senussiti, infatti, contribuì a garantire l’ordine, almeno per un certo periodo di tempo, cosa che invece non accadde in Tripolitania dove le lotte tra i capi locali e il contrasto tra arabi e berberi impedirono il funzionamento di quella repubblica tripolitana, proclamata dai ribelli nel novembre del 1919, creando incertezza e confusione. Nel 1921 fu istituito il Governatorato della Tripolitania e nominato governatore Giuseppe Volpe, industriale e futuro Ministro delle Finanze, che riprese l’avanzata militare occupando, tra gennaio e febbraio 1922, il porto di Misurata Marina. Tra aprile e maggio, grazie anche all’azione dell’allora colonnello Rodolfo Graziani, le forze arabe vennero respinte. Mentre in Italia, si svolge la marcia su Roma le truppe italiane occupavano Jefren.
Il presente volume fa parte della mia collezione personale




 

Condizioni di vendita per il libro "Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene":
Pagamenti accettati : Pagamento anticipato tramite Bonifico bancario o ricarica Postepay.

Invio tramite spedizioni raccomandate tracciabili ( pieghi di libri), il costo da quantificare al momento dell’ordine da aggiungere al prezzo del libro.


Per una maggiore sicurezza
richiedi una spedizione tracciabile
(come il Piego di Libri  Raccomandato)
e un recapito telefonico
 

Invia la tua richiesta per "Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene"

il tuo nome e cognome


 

il tuo indirizzo email
verifica attentamente che l'indirizzo sia corretto, altrimenti il venditore non potrà ricontattarti.


 

Chiedo INFORMAZIONI su questo libro
Desidero iniziare una TRATTATIVA
Desidero ACQUISTARE questo libro

Scrivi qui la tua richiesta:

se vuoi acquistare il libro, scrivi il tuo indirizzo per la spedizione

Non inserire link a siti esterni

IMPORTANTE:  LEGGERE MOLTO ATTENTAMENTE  

LIBRI DI SCUOLA, ma non solo

Per l'acquisto dei libri è VIVAMENTE CONSIGLIATO, onde evitare truffe, attenersi a questa semplice procedura:

  • richiedere una spedizione tracciabile (piego di libri raccomandato) ed esigere il codice per la tracciabilità
  • richiedere esclusivamente un sistema di pagamento sicuro (Paypal), non una ricarica Postepay
  • non utilizzare mai la formula "invia denaro a Familiari/Amici"
    il venditore non pagherà le commissioni ma tu non potrai avere la protezione acquirenti e quindi non potrai eventualmente aprire una contestazione e chiedere il rimborso
  • se non viene fornito il codice di tracciabilità E IL LIBRO NON ARRIVA, entro 45 giorni aprire una contestazione su Paypal per avere il rimborso

  • VERIFICARE IL CODICE ISBN DEL LIBRO

 
1) Una copia del messaggio verrà inoltrata anche a te per confermarti l'invio.
Poichè l'email potrebbe essere contrassegnata come spam, ti preghiamo di aggiungere *@comprovendolibri.it alla tua "lista bianca"
Se non la ricevi, verifica di aver inserito correttamente il tuo indirizzo email.

2) Controlla sempre le segnalazioni prima di effettuare il pagamento

3) Ricordiamo che la spedizione con "PIEGO DI LIBRI ORDINARIO" risulta essere NON TRACCIABILE e  quindi non da diritto ad alcun codice per monitorare lo stato di giacenza del pacco durante il suo spostamento. I tempi di consegna variano da 2 a 45 giorni.
Se chiedi la spedizione con "Piego di Libri ordinario", dichiari di accettare tutti i rischi e i pericoli, quali possono essere smarrimenti, furti, mancati recapiti da parte di portalettere appartenenti a Poste Italiane e di sollevare il venditore da ogni responsabilità inerente a queste problematiche in quanto non dipendenti dal suo operato.
NON SONO ACCETTATI FEEDBACK O SEGNALAZIONI INERENTI A QUESTA PROBLEMATICA.


D.LGS 205/2006 - D.LGS 21/2014
Aggiornato al 13 giugno 2014

Articolo 3
Definizioni

1. Ai fini del presente codice ove non diversamente previsto, si intende per :
a) consumatore o utente: la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta ;
...
c) professionista: la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario;

Articolo 63
Passaggio del rischio
1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.
2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore gia’ nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

gazzettaufficiale.it
Codiceconsumo.pdf

Se hai letto attentamente

per "Nelle terre della conquista. Donne e costumi di Tripoli e Cirene"

 

 

 

 




 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy (GDPR) e utilizzo dei cookies
rel. 6.5 Copyright 2000-20 SARAIN MARCO - Padova (IT) - p.IVA 05180180282