Accedi o Registrati
 
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla


 

ricerca avanzata         ricerca multipla

BIBLIOTECA DI BABELE

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
Comprovendodischi.it



Porta in Alto









 
Misopogon Libri Usati







 

 

 
 
Poesie scelte

 

Poesie scelte
 

Autore: Paolo Buzzi , a cura di Emilio Marino con studio critico di Francesco Flora
Editore: Ceschina Edtrice - Milano
Anno:1961 Gennaio
Collana: Studio critico a cura di Francesco Flora
Condizioni: OTTIME CONDIZIONI
Categoria: POESIA , FUTURISMO , AVANGUARDIE , LETTERATURA ITALIANA, PAOLO BUZZI
ID titolo:58022745

"Poesie scelte" è in vendita da giovedì 22 novembre 2018 alle 14:26 in provincia di Parma

Note su "Poesie scelte":
«Forse è la vita vera.Il carro dipinto,i cavalli selvatici e docili, ebbri di vento,le belle figlie in cenci,la mensa a bivacco furtiva sotto gli astri,la strada bianca del mondo»(da Aeroplani ).
Brossura editoriale con titoli rossi al piatto, titoli in nero al dorso bandelle, formato in 8° cm. 14,5 x 21,5, tavola fotografica in b/n dell’autore in antiporta , pagine CXXXV + 330, condizioni usato, normali segni del tempo e d’uso ai piatti e dorso, interno perfetto allo stato del nuovo. Nel complesso eccellente esemplare da collezione. Bella Antologia di poesie di Paolo Buzzi, noto poeta ed artista italiano del 900 legato per molti aspetti al futurismo e alle avanguardie artistiche. Accanto e assieme al contributo futurista, l’autore sviluppò un discorso, in prosa e in poesia, chiaramente celebrativo delle virtù eroiche e tradizionali. Se la partecipazione del Buzzi al futurismo non è stata i totale ed esclusiva in questi anni che preludono all’avvento del fascismo, l’autore però non si discostò dal programma politico che l’avanguardia veniva elaborando: collaborò alla fondazione di Roma futurista, alla formazione dei Fasci politici futuristi, che si trasformarono ben presto nei Fasci di combattimento dei quali fu responsabile per la sezione milanese, e infine fondò nel 1920 il giornale Testa di ferro.
Paolo Buzzi (Milano, 15 febbraio 1874 – Milano, 18 febbraio 1956) è stato un poeta e scrittore italiano di impronta futurista. Ricco di interessi letterari iniziò presto l’attività di scrittore con una commedia nel 1886 e con un libretto d’opera (Crevalcore, per Anna Radius Zuccari, alias Neera) nel 1907. Si cimentò con una raccolta di poesie dialettali dal titolo ’’Cuna voeuia’’ (Culla vuota) e concluse con le liriche ’’Rapsodie leopardiane’’ questo suo primo periodo di noviziato. Dopo aver conosciuto Marinetti, il giovane poeta aderì con entusiasmo al movimento futurista che era sorto da poco e nel 1905 fu tra coloro che contribuirono a fondare la rivista Poesia. Per Poesia , che aveva indetto il primo concorso letterario, scrisse un lungo poema in prosa, dal titolo L’esilio, che gli valse la vittoria. Il poema venne poi dato alla stampa nel 1906. ’’Aeroplani’’ sarà la sua prima opera di versi di stampo futurista e verrà pubblicata a Milano da Edizioni di ’’Poesia’’ nel 1909. Nel 1912, nell’antologia ’’I poeti futuristi’’, il poeta pubblicò molte sue poesie oltre ad un saggio sul verso libero. Seguirà, nel 1915, il romanzo ’’L’ellisse e la spirale. Film + parole in libertà’’, dai contenuti fantascientifici e dalle tecniche sperimentali (l’ultima sezione del testo è costituita da tavole parolibere, per la prima volta usate all’interno di un romanzo). Negli anni successivi Buzzi compose ’’Conflagrazione’’ (Epopea parolibera, 1915-1918), un vero e proprio diario della prima guerra mondiale in parole in libertà, con un uso frequente di collages. L’opera rimase inedita e fu pubblicata postuma soltanto nel 1963. Le opere che seguiranno, pur mantenendo alcune caratteristiche del modello futurista, sembrano ispirate a modelli più tradizionali e moderati. Tra i libri di poesia sono da ricordare il ’’Bel canto’’ del 1916, ’’Popolo, canta così!’’ del 1920, ’’Poema dei quarantanni’’ del 1922, ’’Canti per le chiese vuote’’ del 1930. Buzzi si avvicina molto al fascismo, scrisse la prefazione per ’’Il volto della rivoluzione’’, una splendida opera composta da 4 volumi di storia e dottrina del fascismo di Alfredo Acito (Milano, G. Morreale, 1930). La posizione di Buzzi tra i poeti della prima fase futurista è, come ha sottolineato Flora, più letteraria ed eclettica priva pertanto di esagerazione e contaminazione. Formatosi sui classici si dimostra presto poeta di notevoli capacità formali e costruttive consolidate senza dubbio dalla assidua frequentazione della musica. Estremamente legato alla tradizione culturale milanese, sensibile ai problemi civili e democratici, Buzzi si aggancia alla scapigliatura come si rileva dalla lettura del testo tardo-scapigliato contenuto nei ’’Poeti futuristi’’ dal titolo ’’La donna della corazza d’acciaio’’. Aderendo al futurismo e accogliendo come preferito il verso libero, Buzzi poté esprimere senza limitazioni quella ’’incontinenza verbale’’, che appartiene ai bravi narratori e ai cantastorie di fatti popolari. L’ampissima produzione letteraria di Buzzi comprende, oltre alle poesie, opere di teatro e di narrativa, saggi e traduzioni.
Il presente volume fa parte della collezione personale.



 

Cerca il titolo su

           

 

Chiedi un contatto per avere informazioni o eventuale acquisto del libro:
"Poesie scelte"
Utente verificato paolopr64 Telefono disponibile
vende "Poesie scelte"  di Paolo Buzzi , a cura di Emilio Marino con studio critico di Francesco Flora in provincia di Parma

Segui     Controlla le segnalazioni

Ha utilizzato Comprovendolibri 2 giorni fa.

feedback positivi 91 positivi    

feedback positivi 91 positivi

Vedi tutti i Feedback

Tempo medio di risposta del venditore: entro 5 ore  (calcolato su 79 compravendite)

Informazioni sul venditore:
POESIA , FUTURISMO , AVANGUARDIE , LETTERATURA ITALIANA, PAOLO BUZZI. «Forse è la vita vera.Il carro dipinto,i cavalli selvatici e docili, ebbri di vento,le belle figlie in cenci,la mensa a bivacco furtiva sotto gli astri,la strada bianca del mondo»(da Aeroplani ).
Brossura editoriale con titoli rossi al piatto, titoli in nero al dorso bandelle, formato in 8° cm. 14,5 x 21,5, tavola fotografica in b/n dell’autore in antiporta , pagine CXXXV + 330, condizioni usato, normali segni del tempo e d’uso ai piatti e dorso, interno perfetto allo stato del nuovo. Nel complesso eccellente esemplare da collezione. Bella Antologia di poesie di Paolo Buzzi, noto poeta ed artista italiano del 900 legato per molti aspetti al futurismo e alle avanguardie artistiche. Accanto e assieme al contributo futurista, l’autore sviluppò un discorso, in prosa e in poesia, chiaramente celebrativo delle virtù eroiche e tradizionali. Se la partecipazione del Buzzi al futurismo non è stata i totale ed esclusiva in questi anni che preludono all’avvento del fascismo, l’autore però non si discostò dal programma politico che l’avanguardia veniva elaborando: collaborò alla fondazione di Roma futurista, alla formazione dei Fasci politici futuristi, che si trasformarono ben presto nei Fasci di combattimento dei quali fu responsabile per la sezione milanese, e infine fondò nel 1920 il giornale Testa di ferro.
Paolo Buzzi (Milano, 15 febbraio 1874 – Milano, 18 febbraio 1956) è stato un poeta e scrittore italiano di impronta futurista. Ricco di interessi letterari iniziò presto l’attività di scrittore con una commedia nel 1886 e con un libretto d’opera (Crevalcore, per Anna Radius Zuccari, alias Neera) nel 1907. Si cimentò con una raccolta di poesie dialettali dal titolo ’’Cuna voeuia’’ (Culla vuota) e concluse con le liriche ’’Rapsodie leopardiane’’ questo suo primo periodo di noviziato. Dopo aver conosciuto Marinetti, il giovane poeta aderì con entusiasmo al movimento futurista che era sorto da poco e nel 1905 fu tra coloro che contribuirono a fondare la rivista Poesia. Per Poesia , che aveva indetto il primo concorso letterario, scrisse un lungo poema in prosa, dal titolo L’esilio, che gli valse la vittoria. Il poema venne poi dato alla stampa nel 1906. ’’Aeroplani’’ sarà la sua prima opera di versi di stampo futurista e verrà pubblicata a Milano da Edizioni di ’’Poesia’’ nel 1909. Nel 1912, nell’antologia ’’I poeti futuristi’’, il poeta pubblicò molte sue poesie oltre ad un saggio sul verso libero. Seguirà, nel 1915, il romanzo ’’L’ellisse e la spirale. Film + parole in libertà’’, dai contenuti fantascientifici e dalle tecniche sperimentali (l’ultima sezione del testo è costituita da tavole parolibere, per la prima volta usate all’interno di un romanzo). Negli anni successivi Buzzi compose ’’Conflagrazione’’ (Epopea parolibera, 1915-1918), un vero e proprio diario della prima guerra mondiale in parole in libertà, con un uso frequente di collages. L’opera rimase inedita e fu pubblicata postuma soltanto nel 1963. Le opere che seguiranno, pur mantenendo alcune caratteristiche del modello futurista, sembrano ispirate a modelli più tradizionali e moderati. Tra i libri di poesia sono da ricordare il ’’Bel canto’’ del 1916, ’’Popolo, canta così!’’ del 1920, ’’Poema dei quarantanni’’ del 1922, ’’Canti per le chiese vuote’’ del 1930. Buzzi si avvicina molto al fascismo, scrisse la prefazione per ’’Il volto della rivoluzione’’, una splendida opera composta da 4 volumi di storia e dottrina del fascismo di Alfredo Acito (Milano, G. Morreale, 1930). La posizione di Buzzi tra i poeti della prima fase futurista è, come ha sottolineato Flora, più letteraria ed eclettica priva pertanto di esagerazione e contaminazione. Formatosi sui classici si dimostra presto poeta di notevoli capacità formali e costruttive consolidate senza dubbio dalla assidua frequentazione della musica. Estremamente legato alla tradizione culturale milanese, sensibile ai problemi civili e democratici, Buzzi si aggancia alla scapigliatura come si rileva dalla lettura del testo tardo-scapigliato contenuto nei ’’Poeti futuristi’’ dal titolo ’’La donna della corazza d’acciaio’’. Aderendo al futurismo e accogliendo come preferito il verso libero, Buzzi poté esprimere senza limitazioni quella ’’incontinenza verbale’’, che appartiene ai bravi narratori e ai cantastorie di fatti popolari. L’ampissima produzione letteraria di Buzzi comprende, oltre alle poesie, opere di teatro e di narrativa, saggi e traduzioni.
Il presente volume fa parte della collezione personale.


 

Condizioni di vendita per il libro "Poesie scelte":
Pagamenti accettati : Pagamento anticipato tramite Bonifico bancario o ricarica Postepay.

Invio tramite spedizioni raccomandate tracciabili ( pieghi di libri), il costo da quantificare al momento dell’ordine da aggiungere al prezzo del libro.


Per una maggiore sicurezza
richiedi una spedizione tracciabile
(come il Piego di Libri  Raccomandato)
e un recapito telefonico
 

Invia la tua richiesta per "Poesie scelte"

il tuo nome e cognome


 

il tuo indirizzo email
verifica attentamente che l'indirizzo sia corretto, altrimenti il venditore non potrà ricontattarti.


 

Chiedo INFORMAZIONI su questo libro
Desidero iniziare una TRATTATIVA
Desidero ACQUISTARE questo libro

Scrivi qui la tua richiesta:

se vuoi acquistare il libro, scrivi il tuo indirizzo per la spedizione

Non inserire link a siti esterni

IMPORTANTE:  LEGGERE MOLTO ATTENTAMENTE  

LIBRI DI SCUOLA, ma non solo

Per l'acquisto dei libri è VIVAMENTE CONSIGLIATO, onde evitare truffe, attenersi a questa semplice procedura:

  • richiedere una spedizione tracciabile (piego di libri raccomandato) ed esigere il codice per la tracciabilità
  • richiedere esclusivamente un sistema di pagamento sicuro (Paypal), non una ricarica Postepay
  • non utilizzare mai la formula "invia denaro a Familiari/Amici"
    il venditore non pagherà le commissioni ma tu non potrai avere la protezione acquirenti e quindi non potrai eventualmente aprire una contestazione e chiedere il rimborso
  • se non viene fornito il codice di tracciabilità E IL LIBRO NON ARRIVA, entro 45 giorni aprire una contestazione su Paypal per avere il rimborso

  • VERIFICARE IL CODICE ISBN DEL LIBRO

 
1) Una copia del messaggio verrà inoltrata anche a te per confermarti l'invio.
Poichè l'email potrebbe essere contrassegnata come spam, ti preghiamo di aggiungere *@comprovendolibri.it alla tua "lista bianca"
Se non la ricevi, verifica di aver inserito correttamente il tuo indirizzo email.

2) Controlla sempre le segnalazioni prima di effettuare il pagamento

3) Ricordiamo che la spedizione con "PIEGO DI LIBRI ORDINARIO" risulta essere NON TRACCIABILE e  quindi non da diritto ad alcun codice per monitorare lo stato di giacenza del pacco durante il suo spostamento. I tempi di consegna variano da 2 a 45 giorni.
Se chiedi la spedizione con "Piego di Libri ordinario", dichiari di accettare tutti i rischi e i pericoli, quali possono essere smarrimenti, furti, mancati recapiti da parte di portalettere appartenenti a Poste Italiane e di sollevare il venditore da ogni responsabilità inerente a queste problematiche in quanto non dipendenti dal suo operato.
NON SONO ACCETTATI FEEDBACK O SEGNALAZIONI INERENTI A QUESTA PROBLEMATICA.


D.LGS 205/2006 - D.LGS 21/2014
Aggiornato al 13 giugno 2014

Articolo 3
Definizioni

1. Ai fini del presente codice ove non diversamente previsto, si intende per :
a) consumatore o utente: la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta ;
...
c) professionista: la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario;

Articolo 63
Passaggio del rischio
1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.
2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore gia’ nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

gazzettaufficiale.it
Codiceconsumo.pdf

Se hai letto attentamente

per "Poesie scelte"

 

 

 

 




 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy (GDPR) e utilizzo dei cookies
rel. 6.5 Copyright 2000-20 SARAIN MARCO - Padova (IT) - p.IVA 05180180282