Accedi o Registrati
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla
ricerca avanzata | ricerca multipla    
BIBLIOTECA DI BABELE

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
Manutenzione programmata del catalogo in corso dalle 6:00 alle 6:30 - Potrebbero verificarsi rallentamenti.
Ci vediamo dopo colazione ?
Comprovendodischi.it

officinaelibri@gmail.com



Porta in Alto









 
Misopogon Libri Usati







 

 

 
 
L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala

€ 18,08

 

L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala
 

Autore: a cura di Luciano Bellosi
Editore: Skira
Anno:1996
ISBN: 9788881181094
Collana: Arte Antica Cataloghi
Condizioni: NUOVO
Categoria: Arte
ID titolo:57957433

"L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala" è in vendita da lunedì 19 novembre 2018 alle 16:59 in provincia di Firenze

Note su "L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala":
(Arte Antica. Cataloghi).

Siena, Ospedale di Santa Maria della Scala, dicembre 1996 - febbraio 1997.

Scritti di Fabiana Bari, Roveno Batignani, Anna Benvenuti, Carlo Bertelli, Mara Bonfioli, Giuseppe Cantelli, Antonella Capitanio, Giovanna Derenzini, Isabella Gagliardi, Gabriella Piccinni, Bruno Santi.

Catalogo dell’omonima mostra tenutasi a siena nel 1997.

Il tesoro del Santa Maria della Scala nasce intorno a un importante gruppo di reliquie – con i loro contenitori in oro, argento e pietre preziose – proveniente dalla cappella imperiale di Costantinopoli. Vennero acquistate nel 1359 dal mercante fiorentino Pietro di Giunta Torrigiani, che le avrebbe a sua volta acquisite dalla casa imperiale, costretta a metterle in vendita per far fronte a momenti finanziariamente difficili. L’acquisizione da parte del Santa Maria della Scala avvenne dopo una laboriosa trattativa condotta per stabilirne il valore (fissato nella cifra mirabolante di 3.000 fiorini), accertarne l’autenticità e comprovarne l’effettiva provenienza dal tesoro imperiale; il contratto venne steso il 28 maggio 1359 in forma di donazione, nell’intento di aggirare l’accusa di far commercio di cose sacre. Nelle spese (acquisto, trasporto per mare e festa) lo Spedale fu affiancato dal Comune di Siena, al quale aveva legato le sue sorti ormai da qualche decennio. L’immenso tesoro religioso giunto al Santa Maria della Scala formava un nucleo unico, che portava con sé leggende famose. La porzione della croce proveniva dal prodigioso ritrovamento effettuato da sant’Elena, il brano della cintura doveva essere quello raccolto e conservato da san Tommaso. Emerse su tutte il sacro chiodo della Croce, appartenuto all’imperatore Costantino, eccezionale sia per il valore religioso che per la sua integrità. Le reliquie erano conservate nella cappella dell’ospedale, costruita appositamente, e venivano mostrate pubblicamente da un’apposita finestra il 25 marzo, festa dell’Annunciazione e dell’ospedale, e usate per benedire la folla dei fedeli raccolta in piazza; potevano essere portate in processione per la città qualora fosse richiesto il loro intervento miracoloso. Tuttavia le reliquie costantinopoliane non erano un nucleo in sé concluso, bensì aperto a scelte ed arricchimenti devozionali propri della realtà senese. Ad esse, nel corso dei secoli seguenti se ne aggiunsero molte altre. Circa un secolo dopo l’acquisto dalla casa imperiale bizantina, l’ospedale attraversò una fase di difficoltà: veniva denunciata la diminuzione della devozione popolare e delle elemosine, e la decadenza della qualità dell’assistenza. Si pensò nuovamente alle reliquie come a un possibile strumento per il rilancio dell’ospedale e per propagandare il messaggio dell’unità della cittadinanza. Venne commissionato un ciclo di affreschi delle attività caritative per la grande corsia del Pellegrinaio e richiesto a Eugenio IV di attribuire rinnovate indulgenze all’ospedale. Il papa confermò, e i dirigenti dell’ospedale, nel 1443, provvedettero a una diversa sistemazione delle reliquie, creando un nuovo grande ambiente addossato alla chiesa. Sono gli ultimi atti importanti che riguardano le reliquie che, dopo qualche tempo, vennero affidate alla Congregazione dei Sacri Chiodi, che le gestì in autonomia. L’acquisizione da parte del Santa Maria della Scala avvenne dopo una laboriosa trattativa condotta per stabilirne il valore (fissato nella cifra mirabolante di 3.000 fiorini), accertarne l’autenticità e comprovarne l’effettiva provenienza dal tesoro imperiale; il contratto venne steso il 28 maggio 1359 in forma di donazione, nell’intento di aggirare l’accusa di far commercio di cose sacre. Nelle spese (acquisto, trasporto per mare e festa) l’ospedale fu affiancato dal Comune di Siena, al quale aveva legato le sue sorti ormai da qualche decennio. In quegli anni deteneva il potere un governo espresso dalla media borghesia, che aveva messo propri uomini in alcuni punti chiave della città, tra i quali l’ospedale. Il nuovo rettore Andrea di Toro fu il “loro uomo” che gestì l’acquisto delle reliquie di concerto con il governo senese, propagandandone l’impegno nel settore dell’assistenza: i cittadini, venerando le reliquie, erano invitati a riconoscersi nell’ospedale, nella devozione a Cristo e alla Madonna, nel Comune e nel suo governo. L’immenso tesoro religioso giunto al Santa Maria della Scala formava un nucleo unico, che portava con sé leggende famose. La porzione della croce proveniva dal prodigioso ritrovamento effettuato da sant’Elena, il brano della cintura doveva essere quello raccolto e conservato da san Tommaso. Emerse su tutte il sacro chiodo della Croce, appartenuto all’imperatore Costantino, eccezionale sia per il valore religioso che per la sua integrità. Le reliquie erano conservate nella cappella dell’ospedale, costruita appositamente, e venivano mostrate pubblicamente da un’apposita finestra il 25 marzo, festa dell’Annunciazione e dell’ospedale, e usate per benedire la folla dei fedeli raccolta in piazza; potevano essere portate in processione per la città qualora fosse richiesto il loro intervento miracoloso. Tuttavia le reliquie costantinopoliane non erano un nucleo in sé concluso, bensì aperto a scelte ed arricchimenti devozionali propri della realtà senese. Ad esse, nel corso dei secoli seguenti se ne aggiunsero molte altre. Circa un secolo dopo l’acquisto dalla casa imperiale bizantina, l’ospedale attraversò una fase di difficoltà: veniva denunciata la diminuzione della devozione popolare e delle elemosine e la decadenza della qualità dell’assistenza. Si pensò nuovamente alle reliquie come a un possibile strumento per il rilancio dell’ospedale e per propagandare il messaggio dell’unità della cittadinanza. Venne commissionato un ciclo di affreschi delle attività caritative per la grande corsia del Pellegrinaio e richiesto a Eugenio IV di attribuire rinnovate indulgenze all’ospedale. Il papa confermò e i dirigenti dell’ospedale, nel 1443, provvedettero a una diversa sistemazione delle reliquie, creando un nuovo grande ambiente addossato alla chiesa: la Sagrestia Vecchia affrescata da Lorenzo Vecchietta e un originale armadio dipinto dallo stesso pittore nel quale venivano, appunto, conservate le reliquie. (T-CA)

Autore/i a cura di Luciano Bellosi
Editore Skira Luogo Milano
Anno 1996 Pagine 184
Dimensioni 24x29 (cm) Illustrazioni 60 ill. a colori, 100 ill. b/n n.t. - colors and b/w ills
Legatura bross. ill. a colori con alette - paperback Conservazione Nuovo - New
Lingua Italiano - Italian text Peso 1500 (gr)
ISBN 8881181096 EAN-13 9788881181094
Prezzo 36.15 € Sconto 50%
Prezzo scontato 18.08 €

Cerca il titolo su

           

 

Chiedi un contatto per avere informazioni o eventuale acquisto del libro:
"L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala"
Utente verificato LIBRERIA Libreria della Spada
Contatto: Libreria della Spada Telefono disponibile
vende "L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala"  di a cura di Luciano Bellosi in provincia di Firenze

Segui     Controlla le segnalazioni

Ha utilizzato Comprovendolibri ieri.

feedback positivi 41 positivi    

Vedi tutti i Feedback

Tempo medio di risposta del venditore: entro 5 ore  (calcolato su 3 compravendite)

Informazioni sul venditore:
Vendita di libri esauriti, fuori catalogo, remainders. Ricerche bibliografiche.
Contattare: Gabriele Bazzani
Via Barazzuoli 6 R, Firenze  (Firenze)
Telefono: 0559752994 - 3207019705
Indirizzo Web: http://www.libreriadellaspada.com

 

Condizioni di vendita per il libro "L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala":
Accettiamo pagamenti con carta di credito (VISA o MASTERCARD), Paypal, Bonifico Bancario, Contrassegno.

Spedizioni effettuate con Corriere Espresso GLS a partire da euro 5,00 o Raccomandata piego di libri con Poste Italiane euro 4,00 (fino a Kg 2) euro 6,50 (da 2 a 5 Kg). In caso di contrassegno con Corriere maggiorazione di euro 2,00 e euro 2,50 con Poste Italiane.


Per una maggiore sicurezza
richiedi una spedizione tracciabile
(come il Piego di Libri  Raccomandato)
e un recapito telefonico
 

Invia la tua richiesta per "L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala"

il tuo nome e cognome


 

il tuo indirizzo email
verifica attentamente che l'indirizzo sia corretto, altrimenti il venditore non potrà ricontattarti.


 

Chiedo INFORMAZIONI su questo libro
Desidero iniziare una TRATTATIVA
Desidero ACQUISTARE questo libro

Scrivi qui la tua richiesta:

se vuoi acquistare il libro, scrivi il tuo indirizzo per la spedizione

Non inserire link a siti esterni

IMPORTANTE:  LEGGERE MOLTO ATTENTAMENTE  

LIBRI DI SCUOLA, ma non solo

Per l'acquisto dei libri è VIVAMENTE CONSIGLIATO, onde evitare truffe, attenersi a questa semplice procedura:

  • richiedere una spedizione tracciabile (piego di libri raccomandato) ed esigere il codice per la tracciabilità
  • richiedere esclusivamente un sistema di pagamento sicuro (Paypal), non una ricarica Postepay
  • non utilizzare mai la formula "invia denaro a Familiari/Amici"
    il venditore non pagherà le commissioni ma tu non potrai avere la protezione acquirenti e quindi non potrai eventualmente aprire una contestazione e chiedere il rimborso
  • se non viene fornito il codice di tracciabilità E IL LIBRO NON ARRIVA, entro 45 giorni aprire una contestazione su Paypal per avere il rimborso

  • VERIFICARE IL CODICE ISBN DEL LIBRO

 
1) Una copia del messaggio verrà inoltrata anche a te per confermarti l'invio.
Poichè l'email potrebbe essere contrassegnata come spam, ti preghiamo di aggiungere *@comprovendolibri.it alla tua "lista bianca"
Se non la ricevi, verifica di aver inserito correttamente il tuo indirizzo email.

2) Controlla sempre le segnalazioni prima di effettuare il pagamento

3) Ricordiamo che la spedizione con "PIEGO DI LIBRI ORDINARIO" risulta essere NON TRACCIABILE e  quindi non da diritto ad alcun codice per monitorare lo stato di giacenza del pacco durante il suo spostamento. I tempi di consegna variano da 2 a 45 giorni.
Se chiedi la spedizione con "Piego di Libri ordinario", dichiari di accettare tutti i rischi e i pericoli, quali possono essere smarrimenti, furti, mancati recapiti da parte di portalettere appartenenti a Poste Italiane e di sollevare il venditore da ogni responsabilità inerente a queste problematiche in quanto non dipendenti dal suo operato.
NON SONO ACCETTATI FEEDBACK O SEGNALAZIONI INERENTI A QUESTA PROBLEMATICA.


D.LGS 205/2006 - D.LGS 21/2014
Aggiornato al 13 giugno 2014

Articolo 3
Definizioni

1. Ai fini del presente codice ove non diversamente previsto, si intende per :
a) consumatore o utente: la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta ;
...
c) professionista: la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario;

Articolo 63
Passaggio del rischio
1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.
2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore gia’ nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

gazzettaufficiale.it
Codiceconsumo.pdf

Se hai letto attentamente

per "L’Oro di Siena il tesoro di Santa Maria della Scala"

 

 

 

 




 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy (GDPR) e utilizzo dei cookies
rel. 6.5 Copyright 2000-19 SARAIN MARCO - Padova (IT) - p.IVA 05180180282