Accedi o Registrati
 
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla


 

ricerca avanzata         ricerca multipla

BIBLIOTECA DI BABELE

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
Comprovendodischi.it



Porta in Alto









 
Misopogon Libri Usati







 

 

 
 
Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura

 

Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura
 

Autore: Aa.Vv.: Guido Giraudo , Andrea Arbizzoni, Giovanni Buttino, Francesco Grillo, Paolo Severgnini
Editore: Effedieffe – Milano
Anno:Prima rara edizione – 1997
Condizioni: OTTIME CONDIZIONI
Categoria: STORIA RECENTE ANNI DI PIOMBO SERGIO RAMELLI AVANGUARDIA OPERAIA PRIME EDIZIONI LIBRI RARI
ID titolo:52755034

"Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura" è in vendita da martedì 19 giugno 2018 alle 14:14 in provincia di Parma

Note su "Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura":
« Aspettammo dieci minuti, e mi parve un’esistenza. Guardavo una vetrina, ma non dicevo nulla. Ricordo il ragazzo che arriva e parcheggia il motorino. Marco mi dice: Eccolo, oppure mi dà solo una gomitata. Ricordo le grida. Ricordo, davanti a me, un uomo sbilanciato. Colpisco una volta, forse due. Ricordo una donna, a un balcone, che grida: Basta!. Dura tutto pochissimo... Avevo la chiave inglese in mano e la nascosi sotto il cappotto. Fu così breve che ebbi la sensazione di non aver portato a termine il mio compito. Non mi resi affatto conto di ciò che era accaduto. »
Era il 13 marzo 1975 quando un ragazzo di 18 anni viene aggredito sotto casa. Due persone gli spappolano il cranio a colpi di chiave inglese. Muore dopo 47 giorni di agonia. Chi era la vittima e perché fu ucciso con tanta violenza? In che clima era maturato quell’omicidio così bestiale? E chi erano i carnefici: teppisti, killer professionisti, mafiosi? No, studenti universitari di Medicina. Perché uccisero, allora? Forse accecati dall’ira, dalla gelosia o dalla paura? No, neppure conoscevano la loro vittima. Colpirono solo in nome dell’odio politico. Ci vollero dieci anni per assicurarli alla giustizia, ma oggi è finalmente possibile ricostruire tutte le tappe di quella tragica vicenda. Come in un thriller ci si muove tra atti giudiziari, articoli di giornali e testimonianze dirette per scoprire che ad armare la mano degli assassini fu una spietata ideologia, che in Italia aveva – ed ha – importanti complicità, potenti connivenze e forti leve di potere. Ecco perché questa è una ’’storia che fa ancora paura’’. Una storia che in molti non si stancano di raccontare.
Quella del giovane Ramelli e’ dunque una ’’terribile istantanea degli anni dell’odio’’’ e delle opposte barricate, dove valeva lo slogan ’’uccidere un fascista non e’ reato’’, ma anche un racconto politico che vede un festino di sangue e morte allestito con scrupolo da ragionieri da una banda di studenti di medicina animati da squallide velleita ’’di guerriglia politica’’.Il volume uscito per la prima volta nel 1997 (Ed. Effedieffe, Milano) in veste di ’’documento semiclandestino’’, ha poi contato cinque edizioni per circa 16.000 copie vendute banchetto per banchetto nella comunita’ della Destra. Questo e’ un libro scritto da persone di destra, ma e’ un memoriale non fazioso. Un contributo che arriva da gente che pur non facendo il giornalista di mestiere, a distanza di anni dalla morte dello studente del Msi, indaga con passione ricostruendo il caso tassello dopo tassello. Ma in generale la memoria di quegli anni non puo’ essere fatta solo per dire chi ha torto o ha ragione , il miglior servizio al Paese si fa invece chiarendo le dinamiche in cui i fatti hanno avuto luogo . Anche perche’, il manuale della violenza e’ sempre lo stesso e comprende l’ideologizzazione portata alle estreme conseguenze accanto all’idea che l’avversario debba essere annichilito.
Brossura morbida illustrata in b/n con titoli in rosso e bianco, formato in 8° piccolo cm. 14 x 21, pagine 176 , numerosi disegni e tavole fotografiche in b/n intercalate n/t . Condizioni usato , minimi segni del tempo e d’uso, nel complesso ottimo esemplare da collezione. Dedica ’’politica’’ al frontespizio. Rara prima edizione.
Il presente volume fa parte della mia collezione personale.






 

Cerca il titolo su

           

 

Chiedi un contatto per avere informazioni o eventuale acquisto del libro:
"Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura"
Utente verificato paolopr64 Telefono disponibile
vende "Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura"  di Aa.Vv.: Guido Giraudo , Andrea Arbizzoni, Giovanni Buttino, Francesco Grillo, Paolo Severgnini in provincia di Parma

Segui     Controlla le segnalazioni

Ha utilizzato Comprovendolibri 2 giorni fa.

feedback positivi 91 positivi    

feedback positivi 91 positivi

Vedi tutti i Feedback

Tempo medio di risposta del venditore: entro 5 ore  (calcolato su 79 compravendite)

Informazioni sul venditore:
STORIA RECENTE ANNI DI PIOMBO SERGIO RAMELLI AVANGUARDIA OPERAIA PRIME EDIZIONI LIBRI RARI. « Aspettammo dieci minuti, e mi parve un’esistenza. Guardavo una vetrina, ma non dicevo nulla. Ricordo il ragazzo che arriva e parcheggia il motorino. Marco mi dice: Eccolo, oppure mi dà solo una gomitata. Ricordo le grida. Ricordo, davanti a me, un uomo sbilanciato. Colpisco una volta, forse due. Ricordo una donna, a un balcone, che grida: Basta!. Dura tutto pochissimo... Avevo la chiave inglese in mano e la nascosi sotto il cappotto. Fu così breve che ebbi la sensazione di non aver portato a termine il mio compito. Non mi resi affatto conto di ciò che era accaduto. »
Era il 13 marzo 1975 quando un ragazzo di 18 anni viene aggredito sotto casa. Due persone gli spappolano il cranio a colpi di chiave inglese. Muore dopo 47 giorni di agonia. Chi era la vittima e perché fu ucciso con tanta violenza? In che clima era maturato quell’omicidio così bestiale? E chi erano i carnefici: teppisti, killer professionisti, mafiosi? No, studenti universitari di Medicina. Perché uccisero, allora? Forse accecati dall’ira, dalla gelosia o dalla paura? No, neppure conoscevano la loro vittima. Colpirono solo in nome dell’odio politico. Ci vollero dieci anni per assicurarli alla giustizia, ma oggi è finalmente possibile ricostruire tutte le tappe di quella tragica vicenda. Come in un thriller ci si muove tra atti giudiziari, articoli di giornali e testimonianze dirette per scoprire che ad armare la mano degli assassini fu una spietata ideologia, che in Italia aveva – ed ha – importanti complicità, potenti connivenze e forti leve di potere. Ecco perché questa è una ’’storia che fa ancora paura’’. Una storia che in molti non si stancano di raccontare.
Quella del giovane Ramelli e’ dunque una ’’terribile istantanea degli anni dell’odio’’’ e delle opposte barricate, dove valeva lo slogan ’’uccidere un fascista non e’ reato’’, ma anche un racconto politico che vede un festino di sangue e morte allestito con scrupolo da ragionieri da una banda di studenti di medicina animati da squallide velleita ’’di guerriglia politica’’.Il volume uscito per la prima volta nel 1997 (Ed. Effedieffe, Milano) in veste di ’’documento semiclandestino’’, ha poi contato cinque edizioni per circa 16.000 copie vendute banchetto per banchetto nella comunita’ della Destra. Questo e’ un libro scritto da persone di destra, ma e’ un memoriale non fazioso. Un contributo che arriva da gente che pur non facendo il giornalista di mestiere, a distanza di anni dalla morte dello studente del Msi, indaga con passione ricostruendo il caso tassello dopo tassello. Ma in generale la memoria di quegli anni non puo’ essere fatta solo per dire chi ha torto o ha ragione , il miglior servizio al Paese si fa invece chiarendo le dinamiche in cui i fatti hanno avuto luogo . Anche perche’, il manuale della violenza e’ sempre lo stesso e comprende l’ideologizzazione portata alle estreme conseguenze accanto all’idea che l’avversario debba essere annichilito.
Brossura morbida illustrata in b/n con titoli in rosso e bianco, formato in 8° piccolo cm. 14 x 21, pagine 176 , numerosi disegni e tavole fotografiche in b/n intercalate n/t . Condizioni usato , minimi segni del tempo e d’uso, nel complesso ottimo esemplare da collezione. Dedica ’’politica’’ al frontespizio. Rara prima edizione.
Il presente volume fa parte della mia collezione personale.





 

Condizioni di vendita per il libro "Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura":
Pagamenti accettati : Pagamento anticipato tramite Bonifico bancario o ricarica Postepay.

Invio tramite spedizioni raccomandate tracciabili ( pieghi di libri), il costo da quantificare al momento dell’ordine da aggiungere al prezzo del libro.


Per una maggiore sicurezza
richiedi una spedizione tracciabile
(come il Piego di Libri  Raccomandato)
e un recapito telefonico
 

Invia la tua richiesta per "Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura"

il tuo nome e cognome


 

il tuo indirizzo email
verifica attentamente che l'indirizzo sia corretto, altrimenti il venditore non potrà ricontattarti.


 

Chiedo INFORMAZIONI su questo libro
Desidero iniziare una TRATTATIVA
Desidero ACQUISTARE questo libro

Scrivi qui la tua richiesta:

se vuoi acquistare il libro, scrivi il tuo indirizzo per la spedizione

Non inserire link a siti esterni

IMPORTANTE:  LEGGERE MOLTO ATTENTAMENTE  

LIBRI DI SCUOLA, ma non solo

Per l'acquisto dei libri è VIVAMENTE CONSIGLIATO, onde evitare truffe, attenersi a questa semplice procedura:

  • richiedere una spedizione tracciabile (piego di libri raccomandato) ed esigere il codice per la tracciabilità
  • richiedere esclusivamente un sistema di pagamento sicuro (Paypal), non una ricarica Postepay
  • non utilizzare mai la formula "invia denaro a Familiari/Amici"
    il venditore non pagherà le commissioni ma tu non potrai avere la protezione acquirenti e quindi non potrai eventualmente aprire una contestazione e chiedere il rimborso
  • se non viene fornito il codice di tracciabilità E IL LIBRO NON ARRIVA, entro 45 giorni aprire una contestazione su Paypal per avere il rimborso

  • VERIFICARE IL CODICE ISBN DEL LIBRO

 
1) Una copia del messaggio verrà inoltrata anche a te per confermarti l'invio.
Poichè l'email potrebbe essere contrassegnata come spam, ti preghiamo di aggiungere *@comprovendolibri.it alla tua "lista bianca"
Se non la ricevi, verifica di aver inserito correttamente il tuo indirizzo email.

2) Controlla sempre le segnalazioni prima di effettuare il pagamento

3) Ricordiamo che la spedizione con "PIEGO DI LIBRI ORDINARIO" risulta essere NON TRACCIABILE e  quindi non da diritto ad alcun codice per monitorare lo stato di giacenza del pacco durante il suo spostamento. I tempi di consegna variano da 2 a 45 giorni.
Se chiedi la spedizione con "Piego di Libri ordinario", dichiari di accettare tutti i rischi e i pericoli, quali possono essere smarrimenti, furti, mancati recapiti da parte di portalettere appartenenti a Poste Italiane e di sollevare il venditore da ogni responsabilità inerente a queste problematiche in quanto non dipendenti dal suo operato.
NON SONO ACCETTATI FEEDBACK O SEGNALAZIONI INERENTI A QUESTA PROBLEMATICA.


D.LGS 205/2006 - D.LGS 21/2014
Aggiornato al 13 giugno 2014

Articolo 3
Definizioni

1. Ai fini del presente codice ove non diversamente previsto, si intende per :
a) consumatore o utente: la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta ;
...
c) professionista: la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario;

Articolo 63
Passaggio del rischio
1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.
2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore gia’ nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

gazzettaufficiale.it
Codiceconsumo.pdf

Se hai letto attentamente

per "Sergio Ramelli: Una storia che fa ancora paura"

 

 

 

 




 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy (GDPR) e utilizzo dei cookies
rel. 6.5 Copyright 2000-20 SARAIN MARCO - Padova (IT) - p.IVA 05180180282