Accedi o Registrati
 
Librifolli - Alessandria
Titolo 
Autore 

 
ricerca avanzata
ricerca multipla


 

ricerca avanzata         ricerca multipla

BIBLIOTECA DI BABELE

Comprovendolibri.it utilizza cookies e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookies, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e l'utilizzo dei cookies.
Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookies
.

chiudi
Comprovendodischi.it



Porta in Alto









 
Misopogon Libri Usati







 

 

 
 
Latino Barilli

 

Latino Barilli
 

Autore: AA. VV - a cura di Roberto Tassi, Aristide e Renzo Barilli.
Editore: Pratiche Editrice - Parma
Anno:1984 Prima edizione (First Edition)
Condizioni: COME NUOVO
Categoria: Pittura Arte Disegno Latino Barilli Parma Monografie
ID titolo:48581511

"Latino Barilli" è in vendita da martedì 23 gennaio 2018 alle 13:15 in provincia di Parma

Note su "Latino Barilli":
Catalogo della mostra retrospettiva per il centenario della nascita (Parma, 4 febbraio-4 marzo 1984). Con il Patrocinio del Comune di Parma, Accademia Nazionale di Belle Arti, Consigli Arte, E.P.T.
Latino Barilli (Parma, 30 gennaio 1883 – Parma, 26 luglio 1961) è stato un pittore italiano.
Terzo figlio del pittore Cecrope e di Anna Adanti, i due fratelli maggiori, Arnaldo e Bruno, si affermarono rispettivamente come studioso di storia e arte locale e come musicista e scrittore. I contatti col padre Cecrope lo indussero ad avviarsi verso la pittura e verso i quattordici anni dipinse il primo quadro. Come scrisse più tardi lo fece per dimostrare al padre di non essere tagliato per gli studi tecnici e che poteva pretendere un’educazione artistica. Il padre se ne convinse e lo iscrisse all’Accademia di Belle Arti, dove insegnava. Gli studi proseguirono a Roma, alla Libera Accademia del nudo, e a Monaco, dove c’era già il fratello Bruno che stava perfezionandosi in composizione musicale. Rimase a Monaco dal 1904 al 1906, lavorando intensamente e frequentando musei, mostre e concerti. Fu un soggiorno importante perché Monaco era una delle capitali della vita artistica europea e vi convergevano le idee nuove provenienti da Francia e Germania. Nel 1905 fece un viaggio a Venezia, visitando le mostre di Ca’ Pesaro e della Biennale. Tra il 1907 e il 1908 visse a Roma, assimilando le nuove idee che permisero all’arte italiana di uscire dalle secche del naturalismo ottocentesco. Nel 1911 partecipò, insieme ad Amedeo Bocchi, Daniele de Strobel e Renato Brozzi, alla ricostruzione della Camera d’Oro del castello di Torrechiara. Il confronto con la pittura quattrocentesca lombarda fu probabilmente il motore che lo spinse, pochi anni più tardi, a sperimentare un modo diverso di trattare il colore e a rendere essenziali i profili plastici, anticipando le nuove correnti pittoriche che sfociarono nell’esperienza di Valori Plastici (1918-1921), ovvero nel neoprimitivismo di Carrà o dello stesso De Chirico. Tornato a Parma, nel 1909 soggiornò per qualche tempo a Fano presso la famiglia della madre. Nel 1912 si sposò, e subito dopo cominciò il primo lavoro di grande impegno, la decorazione ad affresco della facciata di palazzo Marchesi (1913). Durante la prima guerra mondiale fu al fronte. La sua abilità di disegnatore venne messa a frutto con l’incarico, particolarmente pericoloso, del rilevamento delle postazioni nemiche, eseguito spesso al di là della prima linea. Partecipò alla difesa del Passo Buole, meritandosi una medaglia d’argento. Nel 1925 il pittore bolognese Achille Casanova, al quale erano stati affidati i lavori di decorazione della Basilica di Sant’Antonio a Padova, di passaggio a Parma ammirò gli affreschi del Barilli a palazzo Marchesi, ne rimase affascinato e gli propose di seguirlo come aiutante. Ma a Padova l’aiutante lo fece per breve tempo: tutti gli affreschi dell’abside, attorno alla serie degli archi, sono infatti interamente suoi. Nella stessa chiesa ritornò nel 1931 con Lodovico Pogliaghi per affrescarvi una cappella. Nel 1939 ebbe il posto di insegnante all’Istituto d’Arte Paolo Toschi, mantenendolo per una ventina d’anni. Creò numerosissimi allievi, che gli furono sempre legati da ammirazione e affetto. Nel 1955 partecipò alla VII Quadriennale Romana, cui fecero seguito le mostre personali organizzate nelle gallerie di Parma (1956, alla Galleria Camattini; 1961, alla Galleria del Teatro). Nel 1963 la Sovrintendenza alle Gallerie di Parma organizzò una sua prima retrospettiva e nello stesso anno tre sue opere figurarono alla rassegna Arte Moderna in Italia 1915-1935, organizzata da Carlo Ludovico Ragghianti a Palazzo Strozzi a Firenze. Brossura morbida illustrata a colori, formato in 8° quadrotto (cm. 22,50 x 22,50), pagine 149 con 227 tavole a colori e in nero n/t . In appendice: Biografia (7 fotografie in b/n) e Bibliografia , condizioni usato allo stato del nuovo, eccellente esemplare. Fondamentale e non comune opera di riferimento sull’argomento, bella e ampia monografia sul pittore Latino Barilli corredata di una ricca biografia e riccamente illustrata delle sue opere
Il presente volume fa parte della mia collezione personale.




 

Cerca il titolo su

           

 

Chiedi un contatto per avere informazioni o eventuale acquisto del libro:
"Latino Barilli"
Utente verificato paolopr64 Telefono disponibile
vende "Latino Barilli"  di AA. VV - a cura di Roberto Tassi, Aristide e Renzo Barilli. in provincia di Parma

Segui     Controlla le segnalazioni

Ha utilizzato Comprovendolibri 2 giorni fa.

feedback positivi 91 positivi    

feedback positivi 91 positivi

Vedi tutti i Feedback

Tempo medio di risposta del venditore: entro 5 ore  (calcolato su 79 compravendite)

Informazioni sul venditore:
Pittura Arte Disegno Latino Barilli Parma Monografie. Catalogo della mostra retrospettiva per il centenario della nascita (Parma, 4 febbraio-4 marzo 1984). Con il Patrocinio del Comune di Parma, Accademia Nazionale di Belle Arti, Consigli Arte, E.P.T.
Latino Barilli (Parma, 30 gennaio 1883 – Parma, 26 luglio 1961) è stato un pittore italiano.
Terzo figlio del pittore Cecrope e di Anna Adanti, i due fratelli maggiori, Arnaldo e Bruno, si affermarono rispettivamente come studioso di storia e arte locale e come musicista e scrittore. I contatti col padre Cecrope lo indussero ad avviarsi verso la pittura e verso i quattordici anni dipinse il primo quadro. Come scrisse più tardi lo fece per dimostrare al padre di non essere tagliato per gli studi tecnici e che poteva pretendere un’educazione artistica. Il padre se ne convinse e lo iscrisse all’Accademia di Belle Arti, dove insegnava. Gli studi proseguirono a Roma, alla Libera Accademia del nudo, e a Monaco, dove c’era già il fratello Bruno che stava perfezionandosi in composizione musicale. Rimase a Monaco dal 1904 al 1906, lavorando intensamente e frequentando musei, mostre e concerti. Fu un soggiorno importante perché Monaco era una delle capitali della vita artistica europea e vi convergevano le idee nuove provenienti da Francia e Germania. Nel 1905 fece un viaggio a Venezia, visitando le mostre di Ca’ Pesaro e della Biennale. Tra il 1907 e il 1908 visse a Roma, assimilando le nuove idee che permisero all’arte italiana di uscire dalle secche del naturalismo ottocentesco. Nel 1911 partecipò, insieme ad Amedeo Bocchi, Daniele de Strobel e Renato Brozzi, alla ricostruzione della Camera d’Oro del castello di Torrechiara. Il confronto con la pittura quattrocentesca lombarda fu probabilmente il motore che lo spinse, pochi anni più tardi, a sperimentare un modo diverso di trattare il colore e a rendere essenziali i profili plastici, anticipando le nuove correnti pittoriche che sfociarono nell’esperienza di Valori Plastici (1918-1921), ovvero nel neoprimitivismo di Carrà o dello stesso De Chirico. Tornato a Parma, nel 1909 soggiornò per qualche tempo a Fano presso la famiglia della madre. Nel 1912 si sposò, e subito dopo cominciò il primo lavoro di grande impegno, la decorazione ad affresco della facciata di palazzo Marchesi (1913). Durante la prima guerra mondiale fu al fronte. La sua abilità di disegnatore venne messa a frutto con l’incarico, particolarmente pericoloso, del rilevamento delle postazioni nemiche, eseguito spesso al di là della prima linea. Partecipò alla difesa del Passo Buole, meritandosi una medaglia d’argento. Nel 1925 il pittore bolognese Achille Casanova, al quale erano stati affidati i lavori di decorazione della Basilica di Sant’Antonio a Padova, di passaggio a Parma ammirò gli affreschi del Barilli a palazzo Marchesi, ne rimase affascinato e gli propose di seguirlo come aiutante. Ma a Padova l’aiutante lo fece per breve tempo: tutti gli affreschi dell’abside, attorno alla serie degli archi, sono infatti interamente suoi. Nella stessa chiesa ritornò nel 1931 con Lodovico Pogliaghi per affrescarvi una cappella. Nel 1939 ebbe il posto di insegnante all’Istituto d’Arte Paolo Toschi, mantenendolo per una ventina d’anni. Creò numerosissimi allievi, che gli furono sempre legati da ammirazione e affetto. Nel 1955 partecipò alla VII Quadriennale Romana, cui fecero seguito le mostre personali organizzate nelle gallerie di Parma (1956, alla Galleria Camattini; 1961, alla Galleria del Teatro). Nel 1963 la Sovrintendenza alle Gallerie di Parma organizzò una sua prima retrospettiva e nello stesso anno tre sue opere figurarono alla rassegna Arte Moderna in Italia 1915-1935, organizzata da Carlo Ludovico Ragghianti a Palazzo Strozzi a Firenze. Brossura morbida illustrata a colori, formato in 8° quadrotto (cm. 22,50 x 22,50), pagine 149 con 227 tavole a colori e in nero n/t . In appendice: Biografia (7 fotografie in b/n) e Bibliografia , condizioni usato allo stato del nuovo, eccellente esemplare. Fondamentale e non comune opera di riferimento sull’argomento, bella e ampia monografia sul pittore Latino Barilli corredata di una ricca biografia e riccamente illustrata delle sue opere
Il presente volume fa parte della mia collezione personale.



 

Condizioni di vendita per il libro "Latino Barilli":
Pagamenti accettati : Pagamento anticipato tramite Bonifico bancario o ricarica Postepay.

Invio tramite spedizioni raccomandate tracciabili ( pieghi di libri), il costo da quantificare al momento dell’ordine da aggiungere al prezzo del libro.


Per una maggiore sicurezza
richiedi una spedizione tracciabile
(come il Piego di Libri  Raccomandato)
e un recapito telefonico
 

Invia la tua richiesta per "Latino Barilli"

il tuo nome e cognome


 

il tuo indirizzo email
verifica attentamente che l'indirizzo sia corretto, altrimenti il venditore non potrà ricontattarti.


 

Chiedo INFORMAZIONI su questo libro
Desidero iniziare una TRATTATIVA
Desidero ACQUISTARE questo libro

Scrivi qui la tua richiesta:

se vuoi acquistare il libro, scrivi il tuo indirizzo per la spedizione

Non inserire link a siti esterni

IMPORTANTE:  LEGGERE MOLTO ATTENTAMENTE  

LIBRI DI SCUOLA, ma non solo

Per l'acquisto dei libri è VIVAMENTE CONSIGLIATO, onde evitare truffe, attenersi a questa semplice procedura:

  • richiedere una spedizione tracciabile (piego di libri raccomandato) ed esigere il codice per la tracciabilità
  • richiedere esclusivamente un sistema di pagamento sicuro (Paypal), non una ricarica Postepay
  • non utilizzare mai la formula "invia denaro a Familiari/Amici"
    il venditore non pagherà le commissioni ma tu non potrai avere la protezione acquirenti e quindi non potrai eventualmente aprire una contestazione e chiedere il rimborso
  • se non viene fornito il codice di tracciabilità E IL LIBRO NON ARRIVA, entro 45 giorni aprire una contestazione su Paypal per avere il rimborso

  • VERIFICARE IL CODICE ISBN DEL LIBRO

 
1) Una copia del messaggio verrà inoltrata anche a te per confermarti l'invio.
Poichè l'email potrebbe essere contrassegnata come spam, ti preghiamo di aggiungere *@comprovendolibri.it alla tua "lista bianca"
Se non la ricevi, verifica di aver inserito correttamente il tuo indirizzo email.

2) Controlla sempre le segnalazioni prima di effettuare il pagamento

3) Ricordiamo che la spedizione con "PIEGO DI LIBRI ORDINARIO" risulta essere NON TRACCIABILE e  quindi non da diritto ad alcun codice per monitorare lo stato di giacenza del pacco durante il suo spostamento. I tempi di consegna variano da 2 a 45 giorni.
Se chiedi la spedizione con "Piego di Libri ordinario", dichiari di accettare tutti i rischi e i pericoli, quali possono essere smarrimenti, furti, mancati recapiti da parte di portalettere appartenenti a Poste Italiane e di sollevare il venditore da ogni responsabilità inerente a queste problematiche in quanto non dipendenti dal suo operato.
NON SONO ACCETTATI FEEDBACK O SEGNALAZIONI INERENTI A QUESTA PROBLEMATICA.


D.LGS 205/2006 - D.LGS 21/2014
Aggiornato al 13 giugno 2014

Articolo 3
Definizioni

1. Ai fini del presente codice ove non diversamente previsto, si intende per :
a) consumatore o utente: la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta ;
...
c) professionista: la persona fisica o giuridica che agisce nell'esercizio della propria attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale, ovvero un suo intermediario;

Articolo 63
Passaggio del rischio
1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.
2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore gia’ nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

gazzettaufficiale.it
Codiceconsumo.pdf

Se hai letto attentamente

per "Latino Barilli"

 

 

 

 




 
   
Contatti: staff@comprovendolibri.it
Segnalazione errori: assistenza@comprovendolibri.it
Informativa sulla Privacy (GDPR) e utilizzo dei cookies
rel. 6.5 Copyright 2000-20 SARAIN MARCO - Padova (IT) - p.IVA 05180180282